2018 –

Più penetrante di un cristallo di radio - Fotografia Europea, Reggio Emilia

Installazione per Fotografia Europea 2018

penetrante_01.jpg
penetrante_02.jpg
penetrante_03.jpg
penetrante_04.jpg
penetrante_05.jpg
penetrante_06.jpg
penetrante_07.jpg
penetrante_08.jpg
penetrante_09.jpg
penetrante_10.jpg
penetrante_11.jpg
penetrante_12.jpg
penetrante_13.jpg
penetrante_14.jpg
penetrante_15.jpg
penetrante_16.jpg
penetrante_17.jpg
penetrante_18.jpg
penetrante_19.jpg
penetrante_20.jpg
penetrante_21.jpg
penetrante_22.jpg
penetrante_23.jpg
penetrante_24.jpg
penetrante_25.jpg
penetrante_26.jpg
penetrante_27.jpg
penetrante_28.jpg
penetrante_29.jpg
penetrante_30.jpg
penetrante_31.jpg
penetrante_32.jpg
penetrante_33.jpg

Doppia installazione dell'AdE alla Collezione Maramotti dedicate al tema Rivoluzione di Fotografia Europea 2018.
Billboards
, trasforma lo spazio dell'Atelier in un deposito immaginario di animali trasformati in manifesto, impugnabili dai manifestanti per una ipotetica protesta di piazza per l'Oltre-Zoologia al potere.
Più penetrante di un cristallo di radio, ricava nel cuore dello spazio fisico di lavoro dell'AdE una sorta di laboratorio radiografico, ma meglio sarebbe definirlo grafitografico, dedicato alla figura straordinaria di Marie Curie.
Qui sono esposte, montate su due grandi negativoscopi dedicati, due enormi grafito-grafie che penetrano, con la sola forza della grafite contenuta nelle matite dei ragazzi,  l'intima e oscura struttura profonda, conscia e inconscia, di alcune famiglie di insetti non riconducibili geneticamente alla stessa specie zoologica.
Lungo il percorso che al terzo piano della Collezione Marmotti si può vedere una selezione dei più recenti lavori di AdE, da Uomini come Cibo per EXPO 2015 a The Seven Capital Vices per Freeze London 2016.